Storia del lampadario

lampadario

Tecnicamente un lampadario è un impianto di illuminazione sospeso al soffitto atto a favorire una più razionale ed ampia distribuzione della luce, ma la loro storia e la loro luce hanno molto più fascino di una mera descrizione tecnica.

All'inizio fabbricati in legno o metallo, a partire dal XVII secolo si cominciò ad utilizzare il vetro che grazie alla sua rifrazione distribuiva meglio la luce attorno a se.

Nel medioevo le forme dei lampadari erano a corona o a crociera (utilizzati prevalentemente all'interno della chiese), verso la metà del '600 si cominciò a sperimentare nuove forme tra le quali la classica a colonna, ovvero con sostegno centrale e lunghi bracci forniti di pendagli a forma di gocce o di spirali sfaccettate, questi lampadari erano utilizzati anche nelle abitazioni.

A Venezia, nel secolo XVII, Giuseppe Briati creò lampadari detti "ciocche" costituiti da una struttura metallica ricoperta di vetro trasparente o colorato con decorazioni di fiori, frutta e foglie, in quanto il vetro veneziano non era adatto alla sfaccettatura, lavorazione preferita invece in altri paesi dove si usava il cristallo.

Agli inizi del '700 a Londra dopo i lampadari con struttura in ferro ed ornamenti in cristallo seguirono quelli con il fusto centrale rivestito di globi di vetro terminanti con una grossa boccia di vetro dalla quale partivano i bracci in vetro con i portacandele.

I pendenti in vetro aggiunti dal XVIII vennero seguiti da gocce e spirali sfaccettate tipiche del periodo rococò (wikipedia).
In epoca neoclassica sia in Francia che in Inghilterra vennero di moda i lampadari ad urna con ornamenti prismatici e nell'800 le parti metalliche vennero nascoste da gemme di cristallo e pendenti.

In altri paesi invece le stesse strutture erano a vista ma decorate con collane e gemme di vetro sfaccettato, in Austria il fusto era in legno dorato e laccato sempre arricchito di cristalli.

Nell'800 l'illuminazione a candele venne soppiantata dai lumi a petrolio e dall'illuminazione a gas (wikipedia), apparvero quindi nuove forme di lampadari, uno dei primi e più importanti esemplari di lampadari che sfruttano l'illuminazione a gas è presente nella sala dei banchetti del padiglione reale di Brighton (wikipedia), disegnato da Robert Jones nel 1828.

Lampadario realizzato da Robert Jones
Lampadario del padiglione reale di Brighton

I lampadari dell'età moderna hanno funzioni puramente decorative atte ad esaltare le caratteristiche dell'ambiente ed a armonizzarsi con l'arredamento circostante.

Grazie per l'attenzione, a presto.

Di Alessandro Carrara

Messages

Commenta questo articolo
Other from uor blog...

Lampadari Università telematica Guglielmo Marconi

Progetto Università Guglielmo Marconi

Gentili Lettori, in questo post vogliamo mostrarvi le fasi del progetto riguardante la creazione di tre lampadari per la prestigiosa sede Romana dell'Università telematica Guglielmo Marconi. La premessa era di realizzare dei lampadari adeguati alla bellezza della sede dell'università, creando de...

Calcedonio

Il vetro Calcedonio

Il vetro calcedonio è un particolare tipo di vetro decorativo ottenuto mescolando metalli di colori diversi per maggiorparte di colore verde e porpora, questo per imitare le pietre semiprezione come: l'agata, il calcedonio, l'onice, la malachite, i lapislazuli e il diaspro. Questa particolare lavor...